Terni Energia apre uno stabilimento a Borgo Val di Taro per PFU

22 Luglio 2015

Terni Energia segna una importante novità. Ha infatti inaugurato il suo secondo impianto per il trattamento e il recupero dei PFU (Pneumatici Fuori Uso). Situato a Borgo val di Taro in provincia di Parma ha visto un investimento di 5.5 milioni di euro mirato a confermare Terni Energia come leader nel recupero industriale di materia dai PFU. L’impianto emiliano avrà a pieno regime un massimo di 26.400 tonnellate/anno di PFU che ridurrà in polverino e granuli, separando quindi la gomma dall’acciaio e dal poliestere. Terni Energia, assieme anche lo stabilimento di Nera Montoro in provincia di Trento, arriverà a coprire circa il 20% della domanda nazionale. “La localizzazione strategia in questa zona d’Italia ci permetterà di sfruttare importanti flussi di materiali destinati alla filiera del riciclo – spiega Stefano Neri, presidente di Terni Energia – Ci candidiamo a rafforzare le relazioni e le partnerships con i principali operatori, come Ecopneus, attivi nel rintracciamento, raccolta, trattamento e destinazione finale dei PFU”.

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.