SBK. Pirelli si prepara per Losail ultimo appuntamento del Mondiale.

13 Ottobre 2015

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento del Campionato Mondiale eni FIM Superbike che si correrà sul circuito di Losail in Qatar e, per questo weekend, Pirelli sarà main sponsor di questo evento.

Il Losail International Circuit, lungo 5.380 metri ed inaugurato nel 2004, vanta un innovativo impianto di illuminazione che offre la possibilità di gareggiare in notturna. Presenta un lunghissimo rettilineo d’arrivo (1.068 metri), 6 curve a sinistra e 10 a destra. Il grande problema del circuito è la sabbia che arriva dal deserto circostante. La penisola del Qatar è totalmente o quasi in pianura e quando si alza il vento solitamente muove molta sabbia che si va poi a depositare sulla pista sporcandola. Nelle sessioni del venerdì per pulirla i piloti sono solitamente chiamati a percorrere curve con raggi costanti in cui lo pneumatico anteriore resta piegato sullo stesso punto creando dei binari d’usura sugli anteriori mentre sui posteriori, per il medesimo motivo, si formano delle chiazze in cui lo pneumatico è più usurato.

Su questo circuito è richiesto un buon compromesso tra stabilità dell’avantreno durante le frenate impegnative e un buon livello di trazione al posteriore per impostare correttamente le traiettorie nelle curve veloci. All’anteriore bisogna utilizzare uno pneumatico capace di assorbire l’elevata potenza accumulata durante la frenata senza subire uno schiacciamento elevato, al posteriore invece bisogna puntare su uno pneumatico morbido per improntare correttamente il manto stradale e fornire la trazione adeguata. Questa scelta però è resa più complessa dalla presenza costante di sabbia sul circuito che ne riduce il grip e produce micro scivolamenti laterali (stick and slide) con conseguenti strappi sulla superficie del battistrada.

Gli pneumaticiPirelli porta in Qatar un totale di 2721 pneumatici che saranno a disposizione dei piloti Superbike e di quelli Supersport, le sole due classi che saranno presenti.

– In Superbike, ogni pilota avrà 65 pneumatici, 32 anteriori e 33 posteriori in diverse soluzioni slick oltre agli pneumatici intermedi e da bagnato.

Le soluzioni da asciutto sono in totale sei, tre slick per l’anteriore e altrettante per il posteriore.

Per l’anteriore sono previste tre soluzioni in mescola SC1.

  1. La T1616, che ha debuttato ad Jerez ed è stata portata poi anche a Magny-Cours ma che i piloti avevano potuto provare anche nel corso dei test effettuati a Portimão a giugno. Questa soluzione, rispetto alla SC1 di gamma, dovrebbe migliorarne ulteriormente la stabilità limitando eventuali fenomeni di movimento a caldo.
  2. La S1699 che ha debuttato con successo ad Aragón nel 2014, offre un maggior sostegno nell’approccio alle curve a favore di una migliore precisione di guida ed è stata la soluzione più utilizzata all’anteriore nel corso del 2015. Questa soluzione di sviluppo quest’anno è stata portata a tutti i round disputati.
  3. La T1467,altra soluzione di sviluppo, che ha debuttato con successo ad Assen ed è stata utilizzata anche a Imola, Donington e Portimão. In mescola SC1, rispetto alla S1699, è più protetta da usura e allo stesso tempo è più stabile di una SC2.

Per il posteriore Pirelli conferma le soluzioni già viste in azione nell’ultimo round a Magny-Cours.

  1. La SC0 di gamma, ideale per affrontare asfalti lisci e temperature elevate, offre massima improntabilità su asfalti lisci e massimo sviluppo di trazione alle alte temperature oltre alla più elevata stabilità al decadimento termico delle prestazioni. Ha debuttato in Thailandia e finora è stata portata anche a Aragón, Assen, Imola, Donington, Portimão, Laguna Seca, Sepang, Jerez e Magny-Cours.
  2. La T0611, soluzione di sviluppo che ha debuttato a Imola ed è stata portata anche a Portimão, Misano, Laguna Seca, Sepang, Jerez e Magny-Cours. Questa gomma utilizza una mescola molto morbida in grado di offrire un livello di grip molto alto se utilizzata con temperature elevate.
  3. L’ultima soluzione disponibile è la SC1 T1392, che ha debuttato con successo quest’anno ad Aragón ed è stata poi portata anche ad Assen, Imola, Donington, Portimão, Misano e Magny-Cours. Rispetto alla SC1 di gamma ha un diverso sistema costruttivo che le garantisce un comportamento più omogeneo e costante per tutta la durata della gara.

– In Supersport, oltre alle soluzioni da bagnato, i piloti avranno due soluzioni anteriori e due posteriori.

Per l’anteriore la SC1 di gamma, ideale per circuiti mediamente severi e la SC2 di gamma in mescola media, ideale per piloti aggressivi e che preferiscono la compattezza della fascia battistrada.

Al posteriore due soluzioni, una in mescola SC0 e l’altra in mescola SC1. La SC0 U0442, che ha debuttato a Misano ed è stata portata anche a Sepang e Magny-Cours e rispetto alla soluzione di gamma dovrebbe offrire maggiore stabilità, e la SC1 di gamma in mescola media, ideale per circuiti mediamente severi e già portata quest’anno a Buriram, Aragón, Assen, Imola, Donington, Portimão e Misano.

Le statistiche 2014 Pirelli per Losail:

  • Numero totale di pneumatici portati da Pirelli: 3101
  • Numero di soluzioni (asciutto, intermedio e bagnato) per la classe Superbike: 5 anteriori e 6 posteriori
  • Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Superbike: 33 anteriori e 34 posteriori
  • Numero di soluzioni (asciutto, intermedio e bagnato) per la classe Supersport: 4 anteriori e 4 posteriori
  • Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Supersport: 25 anteriori e 25 posteriori
  • Best Lap Awards Superbike vinti da Loriz Baz (Kawasaki Racing Team), in 1’58.096 (Gara 1, 2° giro) e da Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) in 1’57.906 (Gara 2, 8° giro)
  • Best Lap Award Supersport vinto da: Jules Cluzel (MV Agusta Reparto Corse), in 2’01.999 al 15° giro
  • Temperatura in Gara 1: aria 27° C, asfalto 30° C
  • Temperatura in Gara 2: aria 25° C, asfalto 28° C
  • Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 327,3 km/h, realizzata in Gara 2 da Marco Melandri (Aprilia Racing Team) al 4° e 7° giro
  • Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Supercorsa nella gara Supersport: 282,7 km/h, realizzata da Roberto Tamburini (San Carlo Puccetti Racing) al 3° giro
Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.