SBK: MICHELIN FA MANI BASSE AL MUGELLO NELL’ULTIMO ROUND DEL CAMPIONATO ITALIANO.

23 Ottobre 2014

Dominio Michelin al Mugello. La casa francese, infatti, vince nella classe Superbike del Campionato Italiano Velocità 2014 e lo fa grazie ad un fine settimana di gare da incorniciare. Fa sue entrambe le manche del campionato italiano grazie ad Ivan Goi e Leandro Mercado (su Ducati 1199 Panigale R – Barni Racing) e completa il tutto con i podi di Gianluca Vizziello (BMW – Motoxracing) e ancora con Goi. Ma non finisce qui, dato che Michelin vince anche nella top class del CIV grazie proprio a Goi.

Gara1 Classifica: 1. Goi (Ducati – Barni); 2. Baiocco (Ducati); 3. Vizziello (BMW – Motoxracing); 4. Polita (BMW – GM); 5. Calia (Aprilia); … 9. Schiavoni (BMW – 2R); … 16. Poggiali (Ducati – Barni). Rit.: Mercado (Ducati – Barni), Saltarelli (Ducati – L.R.).

Gara2 Classifica: 1. Mercado (Ducati – Barni); 2. Baiocco (Ducati); 3. Goi (Ducati – Barni); 4. Sandi (BMW); 5. Vizziello (BMW – Motoxracing); 6. Saltarelli (Ducati – L.R.); … 9. Polita (BMW – GM); … 11. Schiavoni (BMW – 2R); … 17. Poggiali (Ducati – Barni).

Gara2: Questo ultimo round del campionato ha visto una cavalcata di Mercado che ha legittimato la wild car ottenuta proprio per il Mugello grazie al titolo appena conquistato nella Coppa del Mondo 1000 Superstock. Il portacolori della Ducati era partito anche dalla pole position dato che aveva centrato il miglior tempo in tutte le prove (che si sono tenute in condizioni meteo incerte) e l’ha fatta fruttare. Al via è scattato senza problemi e, dopo un duello iniziale con Fabrizio Perotti su BMW, ha gestito il primo posto aumentando inesorabilmente il suo gap rispetto agli inseguitori. Per non farsi mancare nulla l’argentino ha piazzato anche il giro più veloce in gara con il tempo di 1’52”467, limite assoluto di tutto il weekend. Tornando a Goi, il mantovano, dopo aver perso gli scarichi dei primissimi, ha tenuto saldamente la terza posizione, tenendo bene a mente la situazione del campionato, evitando quindi i maggiori rischi. Il pilota trentaquattrenne (che vanta anche un successo nel Motomondiale 1996 nel Gp d’Austria nella classe 125) si era presentato all’appuntamento toscano con 19 punti di vantaggio sul secondo in graduatoria, Matteo Baiocco su Ducati, ha portato dunque a termine il suo compito. Sempre rimanendo in tema Michelin va ricordato che Vizziello ha saputo rimediare ad una brutta partenza, passando dal decimo posto fino al quinto all’arrivo mentre l’altra wild card Simone Saltarelli che era in bagarre proprio con Vizziello ha chiuso sesto. A proposito di rimonte va segnalata quella eccezionale di Alex Polita (BMW – GM) che, partito da una mediocre diciannovesima posizione, ha saputo chiudere al nono posto, in modo da tenere il terzo posto nella classifica generale. Al contrario, invece, Denni Schiavoni (BMW – 2R) dopo essere rimasto a lungo nelle prime sei posizioni, ha chiuso in undicesima piazza, mentre Manuel Poggiali (Ducati – Barni) è arrivato diciassettesimo.

La classifica finale del campionato SBK italiano 2014 ha emesso quindi i suoi verdetti: Ivan Goi cmapione con 182 punti, al quarto posto Polita con 113, quindi Vizziello con 99, Schiavoni al settimo con 67, mentre Poggiali chiude all’undicesimo posto con 50 punti.

mercado goi_l

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.