Posta la prima pietra dell’impianto Greenfield di Apollo Tyres in Ungheria.

14 Aprile 2015

È stata ufficialmente posata la prima pietra del nuovo impianto di Apollo Tyres a Gyöngyöshalász in Ungheria. Il primo stabilimento europeo del costruttore internazionale di pneumatici entrerà ufficialmente in funzione nel 2017 e produrrà sia pneumatici a marchio Apollo che Vredestein che saranno distribuiti in tutto il mercato europeo. Il nuovo impianto sarà all’avanguardia della tecnica e potrà produrre 5.500.000 pneumatici l’anno per autovetture e autocarri leggeri (PCLT) mentre 675.000 pneumatici saranno per veicoli commerciali pesanti (HCV). Sono già partite le assunzioni, dato che Apollo ha già firmato programmi di borse di studio con circa 90 tecnici che saranno inquadrati in azienda come dipendenti dal 1° luglio. Nella seconda metà dell’anno saranno assunti 150 tecnici in più, insieme a ingegneri qualificati, per integrare il team del produttore internazionale di pneumatici.La cerimonia ha visto Viktor Orbán, Primo Ministro ungherese e Onkar S. Kanwar, Presidente di Apollo Tyres, porre la prima pietra alla presenza di Neeraj Kanwar, Vice Presidente e Amministratore Delegato di Apollo Tyres, László Szabó, Vice Ministro degli Affari Esteri e del Commercio, GyörgyHiesz, sindaco di Gyöngyös, János Pásztor, sindaco di Gyöngyöshalász, Gábor Pajtók, Commissario amministrativo dell’ufficio governativo della contea di Heves e Róbert Szabó, Presidente dell’Assemblea Generale della contea di Heves.

Onkar S Kanwar, Presidente di Apollo Tyres Ltd ha commentato: “È una pietra miliare significativa per noi di Apollo Tyres, considerato che alcuni anni fa non eravamo presenti in Europa e oggi siamo testimoni della posa in opera della 2a unità di produzione. Con la nuova sede in Ungheria, saremo in grado di focalizzare ulteriormente le esigenze del  mercato europeo.”

Apollo_foundation stone ceremony (Me-Re)

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.