PETA TODD: L’EROINA DEL MONDO DEI RALLY.

16 Ottobre 2014

Quando si pensa al World Rally Championship Challenge  si potrebbe pensare erroneamente che sia un mondo composto solo da uomini. Sbagliato! È arrivata Peta Todd. Modella, madre, navigatore di rally quasi internazionale e, evidentemente, una donna multitasking! Nemmeno un polmone collassato l’ha dissuasa dal competere in questo prestigioso campionato. Fresca, infatti, di un intervento chirurgico, Peta spera in una pronta guarigione per poter competere nel Galloway Hills Rally a Dumfries (26 ottobre), dopo aver perso il Cambrian Rally. Peta, tra le altre cose è moglie di Mark Cavendish (stella del ciclismo britannico ed ex campione del Mondo): è chiaro che la vena competitiva è una caratteristica di famiglia. Entrambi hanno, infatti, affrontato infortuni terribili durante la loro carriera e li hanno brillantemente superati. Quindi affrontare difficoltà per loro, e per lei in particolare, non è certo una novità. Peta, dunque, spera che il processo di recupero andrà liscio e si risolverà in maniera rapida. Il suo team, il ProSpeed, sembra a sua volta altrettanto ottimista.

Dopo aver fatto un debutto sensazionale questo settembre come co-pilota al Rally dello Yorkshire, classificandosi al 13mo posto assoluto assieme a Tony Jardine, Peta è sulla strada per qualificarsi per la patente internazionale. Tutto ciò di cui ha bisogno è di completare altri due rally nazionali e superare due test di sicurezza e di navigazione. “Ora è una corsa contro il tempo che passa velocemente – ammette Peta – Non avrò un attimo di respiro, ma sono determinata a farlo, ho ancora intenzione di spostare le medaglie di Mark per far posto alle mie”. “Sto sinceramente migliorando giorno dopo giorno e mi sento sempre più a mio agio – racconta – ma devo ammettere che i primi giorni dopo l’operazione sono stati particolarmente dolorosi. Il mio chirurgo ha detto che avrei potuto prendere parte al Cambrian Rally, forzando, ma il mio pilota Tony Jardine e il proprietario Olly Marshall hanno detto che sarebbe stato troppo rischioso nel caso di un mio fuoripista”. “In questo modo ho avuto a disposizione una settimana in più di recupero modificando il programma, quindi sono sollevata – prosegue – Mark è ancora al cento per cento al seguito della mia WRGB Rally Challenge, e ha appena detto che devo fidarmi dei miei istinti e delle mie sensazioni per capire come starò veramente”.Olly Marshall, proprietario di ProSpeed, spiega: “Non potevamo rischiare Peta su una vettura da rally già nello scorso fine settimana, soprattutto se la coppia fosse uscita di pista. In quel caso avrebbe corso il rischio di rovinare una situazione già difficile. Credo che tentare il Galloway Hills Rally il 26 ottobre e poi lo Yorkshire Malton Rally del 2 novembre sia una scelta più ragionevole”.
Peta_1

Peta_Tony_Rallying_WalesRally2

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.