MOTO 2 e MOTO 3: BILANCIO DELLA STAGIONE 2014.

4 Dicembre 2014

MOTO2 e MOTO3 hanno visto un campionato del mondo 2014 davvero spettacolare, con la MOTO3 che ha aggiudicato il proprio titolo piloti sul filo di lana all’ultima corsa a Valencia. Anche queste categorie, come per la MOTOGP, hanno visto un campione del mondo spagnolo.

Il Campione della MOTO2 è risultato Tito Rabat, che ha immediatamente fatto capire a tutti le sue idee sin dall’inizio. Infatti all’esordio a Losail, in Qatar , ha centrato pole e vittoria e da quel momento in poi non ha più ceduto la vetta della classifica, un’impresa notevole in una categoria, da sempre, molto combattuta. Per spiegare il suo dominio stagionale Rabat non è arrivato sul podio solamente quattro volte e, al massimo, ha chiuso in ottava posizione. Inoltre ha conquistato sette GP, mentre il secondo che ne ha vinti di più s’è fermato a quota 4. Per non farsi mancare niente Rabat ha anche fissato due record sul giro in due piste, e cinque migliori tempi del circuito, centrando qualcosa come undici partenze della prima posizione. Questo è un record assoluto. Di avversari, visti i risultati, ne ha avuti pochi, ma il più ravvicinato è stato il compagno di team Mika Kallio che gli ha fatto compagnia sul podio in sei occasioni come a Silverstone dove sono arrivati sul traguardo staccati di appena 0,063 secondi. Rabat ha corso, e vinto, con le Dunlop 302 anteriori spec, ma al posteriore ha variato quattro opzioni. Il titolo della MOTO3 come detto s’è risolto sul filo di lana e ha visto il trionfo di Alex Marquez, dopo una serrata battaglia con Jack Miller risoltasi all’ultimo giro di Valencia. Miller sembrava in completo controllo nelle prime fasi della stagione, con tre vittorie nei primi cinque turni. Entrambi i piloti, curiosità, sono caduti al Mugello, ma Miller ha ceduto la testa della classifica per colpa di due ulteriori cadute ad Assen e ad Aragon. Miller ha stabilito ben sette record sul giro in questo campionato e tre nuovi record assoluti in gara. Marquez invece c’è riuscito solamente rispettivamente tre e due volte. L’inglese ha vinto sei volte mentre Marquez tre ma, la costanza di risultati dello spagnolo, ha fatto la differenza. Ogni gara ha decretato vittoriosa la scelta della media all’anteriore e le dure Dunlop al posteriore.

dun

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.