MICHELIN Pilot Sport Cup 2

19 Giugno 2014

Michelin da sempre sa trasportare su strada l’innovazione tecnologica della pista, un modo per trasferire la competizione nelle novità che diventano poi progresso e vita quotidiana. Il nuovo MICHELIN Pilot Sport Cup 2 si inserisce esattamente in questa scia e alza l’asticella in fatto di ricerca di prestazioni e ridefinisce il concetto di pneumatico di alta gamma per auto sportive grazie ad un proficuo rapporto con i costruttori dalle prime fasi di sviluppo dei loro futuri modelli.

Anche la meravigliosa Ferrari 458 Speciale (disponibile da fine 2013) monta i MICHELIN Pilot Sport Cup 2 (245/35ZR20 all’anteriore, 305/30ZR20 al posteriore) e conferma questo lavoro in sinergia , in cui le gomme sono state sviluppate di pari passo con la vettura (altre vetture equipaggiate da questo prodotto sono la Porsche 918 Spyder e la Mercedes SLS-AMG Black Series.). In questo modo la Ferrari offre ai suoi clienti una vettura con pneumatici fatti su misura nell’ottica della sicurezza e della prestazioni.

MICHELIN Pilot Sport Cup 2 è stato sviluppato puntando sulle consuete esigenze stradali ma, anche, sulle condizioni estreme intese come l’utilizzo su pista. Altri due punti fondamentali di questo pneumatico sono: la costanza delle prestazioni e la ricerca di un’aderenza ottimale in ogni condizione di strada.

Per la composizione di questo nuovo pneumatico Michelin ha messo in campo cinque nuove tecnologie:

  • Bi-Mescola per il battistrada. La mescola di gomma del battistrada del nuovo MICHELIN Pilot Sport Cup 2 è prodotta con gli stessi impianti utilizzati per gli pneumatici da competizione e utilizza la tecnologia Bi-Mescola, (due mescole di gomma differenti tra interno e esterno del battistrada). La parte esterna vede un elastomero con elevata massa molecolare, la cui durezza serve ad ottenere ottima aderenza sull’asciutto specialmente in fase di appoggio in curva. La parte interna è costituita da un elastomero più rigido, che consente un’elevata guidabilità e precisione di guida.
  • Cintura in aramide La cintura di sommità impiega dell’aramide (una fibra ad alta densità, caratterizzata da un’elevata resistenza alla trazione). Ha il vantaggio di essere leggera e molto resistente (cinque volte più dell’acciaio). La cintura è collocata sulla parte superiore dell’architettura, sotto il battistrada, con una tensione variabile applicata nella zona delle spalle rispetto al centro dello pneumatico. L’avvolgimento è stretto e chiude l’architettura in una cintura inestensibile. L’effetto soprattutto ad alte velocità, è controllato perfettamente e quindi l’impronta al suolo rimane costante.
  • Track Variable Contact Patch 3.0® Questa innovazione deriva dalla tecnologia “Variable Contact Patch 2.0” in uso già nei MICHELIN Pilot Super Sport. Questa nuova tecnologia ottimizza la pressione esercitata dallo pneumatico al suolo, per assicurare una maggiore quantità di gomma a contatto con il suolo in fase d’appoggio in curva garantendo una migliore aderenza.
  • Nuova zona bassa. Più larga del 10% rispetto a quella di uno pneumatico sportivo tradizionale e rinforzata da una mescola di gomma ad alto modulo per aumentare la rigidità trasversale e conferire una sportività ed una precisione di guida eccezionale.
  • Fianchi ad “effetto velluto”. Grazie ad un processo specifico nella fabbricazione degli stampi Michelin ha sviluppato una tecnologia denominata MICHELIN Velvet Technology®.

Questa tecnologia ha portato alla creazione di un contrasto su alcune zone del fianco esterno, attraverso una micro-geometria che assorbe la luce e permette di modulare il contrasto ottico e creare una sfumatura di nero che ricorda il velluto.

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.