I NUMERI DELLA GOMMA SINTETICA

14 Aprile 2015

L’industria globale della gomma si trova ad affrontare un preoccupante eccesso di offerta di gomma, sia naturale (GN) sia sintetica (GS), secondo Stephen Evans, segretario generale del gruppo di studio internazionale sulla gomma (IRSG). Prendendo parola al China Rubber Expo 2015  tenutosi a Guangzhou, Evans ha spiegato che le eccedenze di gomma naturale e sintetica potrebbero raggiungere le 1.000.000 e 3.000.000 di tonnellate, rispettivamente. “La mancanza di crescita economica è uno dei motivi del consumo al di sotto delle possibilità – prosegue Evans – La ripresa dalla crisi non ha, al momento, avuto pieno successo”. Nel 2015, il consumo globale di GN e GS rimane ancorato a 12.3 e 16.8 milioni di tonnellate, rispettivamente. In crescita del 3.1% e dello 0.9 % rispetto al 2014. si prevede di raggiungere i 15 ed i 19.4 milioni nel 2020, con crescite del 4.4% e 3.1%. “Se i prezzi del greggio rimarranno bassi, basterebbe aggiungere un piccolo stimolo – aggiunge – L’aumento del consumo di gomma globale arriverebbe a 500.000 tonnellate nel 2020”. Evans ha anche sollevato preoccupazioni circa le sfide a monte, ed a valle. Per i produttori queste sfide includono un adeguato compenso finanziario per gli agricoltori e la mancanza di investimenti interni per la GN, così come una inadeguata fornitura competitiva di materie prime chimiche e bio-sourcing per la gomma sintetica. I problemi che affrontano i consumatori, invece, riguardano prezzi stabili, il recupero delle materie prime dai prodotti e la fine della vita della gomma. Evans ha concluso dicendo che: “le scorte in eccesso di GN nei paesi produttori abbiano un impatto sul settore a breve termine, mentre nel lungo periodo le problematiche sono il riciclo, il cambiamento climatico o la concorrenza per il lavoro e per la terra. Con un’offerta limitata nei paesi consumatori come Cina e India, la GS può diventare il prodotto più importante”.

caaas

 

Il settore della gomma in Cina vedrà una crescita più lenta del previsto nel 2015, come ha spiegato Deng Yali, presidente dell’associazione cinese Cina Rubber, durante il suo discorso in occasione della recente Conferenza 2015 sulla gomma cinese tenutasi a Guangzhou. Nel suo discorso ha, infatti, spiegato che il volume delle esportazioni e il loro relativo valore, subirà un rallentamento nel 2015. “Comunque – ha proseguito – la produzione nei settori ad alto valore e di grande potenziale sul mercato è prevista in aumento. Come per quanto riguarda il tubo di gomma a filo intrecciato di acciacio, la cui produzione crescerà del 32.4% fino a 490.000.000 di metri, in un contenso nel quale l’aumento della gomma in generale è fermo al 3.6%”. La signora Deng ha spiegato che il settore ha visto una crescita di appena lo 0.1% rispetto al 2014, dopo un +18.5% nel 2013, mentre gli pneumatici sono scesi del 4.4% in quanto a profitto. “Si noti – aggiunge – che i produttori di pneumatici cinesi hanno avuto un calo dello 9,7% negli utili rispetto al 2014, mentre le aziende estere sono cresciute del 16.7%”. Il settore ha registrato una crescita del fatturato di gomma dell’1.5% nel 2014, mentre era del 2.7% nel 2013, salendo a 161 miliardi di dollari. I ricavi, invece, nel settore gomma, sono stati in calo per due anni in fila, anche se la tendenza parla di una crescita. La produzione è salita +6.2% fino alle 562 milioni di unità nel 2014. Il valore delle esportazioni del settore della gomma cinese è cresciuto del 7.4% nel 2014, rispetto allo 0.8% nel 2013. Il segmento degli pneumatici ha visto un +22,6% nel volume delle esportazioni fino a 4,4 milioni di tonnellate, ma un -3,5% nel valore delle esportazioni.

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.