F1: GP di GranBretagna – A Silverstone saranno di scena le 2 mescole più dure della gamma.

2 Luglio 2015

F1: GP DI GRAN BRETAGNA – A SILVERSTONE SARANNO DI SCENA LE DUE MESCOLE PIÙ DURE DELLA GAMMA. SI ATTENDE UN IMPORTANTE DEGRADO, ANCHE PER COLPA DELLE TEMPERATURE ELEVATE. L’ANNO SCORSO VINSE HAMILTON PUNTANDO SULLE DUE SOSTE.

Saranno il P Zero Orange hard e P Zero White medium (che dovrebbero avere una differenza tra di loto di 1.0-1.2 secondi) le mescole designate per il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone. Il rinnovato circuito britannico è veloce e sinuoso e chiede molto agli pneumatici, in particolare nelle molteplici curve ad alta velocità (sia quelle in successione Chapel, Maggotts e Beckett, sia i curvoni come Stowe, Copse e Brooklan) . Si annunciano quindi alti livelli di usura e degrado (il rischio è maggiore dato che si annuncia anche un caldo insolito per la regione). Silverstone, ricavato negli anni 50 da un aeroporto militare inglese della seconda guerra mondiale, è anche una sorta di gara di casa per Pirelli: a meno di un’ora dal tracciato, a Ditcot, si trova l’hub logistico di Pirelli per gli pneumatici di Formula Uno e un centro d’eccellenza tecnica
Silverstone è famoso per la successione di curve secche e curvoni veloci, che sottopongono le gomme a forti carichi fino a punte di 5g. Le scuderie, proprio per questo, utilizzano elevati livelli di carico aerodinamico, così che gli pneumatici sono sottoposti contemporaneamente sia a elevati carichi verticali sia a fortissimi laterali. L’asfalto garantisce un elevato livello di grip, che aumenta ulteriormente il carico di lavoro sugli pneumatici e le temperature del battistrada raggiungono picchi di oltre 110°C. Nell’edizione passata Lewis Hamilton su Mercedes ha vinto puntando su una strategia a due soste. Dopo essere partito con le gomme medie, ha montato le hard al 24° giro e rimontando ancora le hard al 41°.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: “Silverstone è sempre un’occasione fantastica, per il sostegno del folto popolo di spettatori britannici, entusiasti e competenti. È uno dei pochi circuiti in cui i piloti dicono che si possa effettivamente sentire la folla anche in velocità. Com’è avvenuto l’anno scorso, portiamo le due mescole più dure della gamma, perché a Silverstone sono ai massimi livelli sia lo stress sia i carichi laterali a cui sono sottoposti gli pneumatici; condizioni che mettono a dura prova sia la mescola sia la struttura delle gomme. Prevediamo di vedere tra uno e due pit-stop a Silverstone, soprattutto se il tempo, come per ora sembra previsto, sarà caldo. Detto questo, negli anni passati, anche quando le previsioni indicavano caldo, alla fine abbiamo a volte ricevuto una dose del più tradizionale clima inglese! Le scuderie dovranno essere pronte a tutte le condizioni e pensare a come ottenere il massimo dagli pneumatici durante il fine settimana nel suo complesso, e non solo nelle singole sessioni. Silverstone è uno di quei circuiti che premia veramente il coraggio e l’impegno assoluto, quindi assisteremo a una grande gara”.

La scelta degli pneumatici finora:

P Zero Red P Zero Yellow P Zero White P Zero Orange
Australia Soft Medium
Malesia Medium Hard
Cina Soft Medium
Bahrain Soft Medium
Spagna Medium Hard
Monaco Supersoft Soft
Canada Supersoft Soft
Austria Supersoft Soft
Gran Bretagna Medium Hard
Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.