ECOPNEUS: SI E’ CONCLUSO IL PROGETTO PER LE SCUOLE CAMPANE ASSIEME A LEGAMBIENTE.

16 Gennaio 2015

Da Terra dei fuochi a Terra felix, taglio del nastro

La gestione degli pneumatici fuori uso (PFU) viene attuata da diverse organizzazioni che ne curano la raccolta, la successiva frantumazione e l’avvio al recupero. Il decreto che gestisce questo settore , prevede che ogni anno il 30% dell’eventuale avanzo di gestione debba essere destinato a prelievi da stock storici al fine rimuovere l’ampio numero di siti oggetto di abbandoni ancora esistenti in Italia e comunicato al Ministero dell’Ambiente. Fra le realtà attive in Italia c’è Ecopneus, che quest’anno ha avviato un progetto Educational, insieme a Legambiente. Un programma pensato assieme a 52 scuole e per più di 1.200 studenti coinvolti che, in Campania, si è concretizzato nel concorso “Da Terra dei fuochi a Terra felix” e che nei giorni scorsi ha visto premiate le tre classi finaliste. In cosa consisteva questo progetto? I ragazzi sono stati chiamati a lanciare un messaggio di speranza per la propria terra realizzando un video sulle buone pratiche legate al corretto recupero dei PFU. La scuola che è risultata vincitrice, la Settembrini-Ciaramella di Afragola (NA) con la classe II A, è stata premiata con un campetto polivalente in gomma riciclata, a cui ha contribuito, con la realizzazione del massetto di base, anche il Comune di Afragola. Per la costruzione di questa area sono stati impiegati 7.000 kg di polverino di gomma riciclata. Alle altre due scuole finaliste, l’Istituto “Europa Unita” di Afragola e la scuola “G. Caporale” di Acerra, hanno ricevuto rispettivamente un’area giochi in gomma riciclata con attrezzature ludiche e una postazione informatica completa.

Da Terra dei fuochi a Terra felix - Afragola Foto 01Da Terra dei fuochi a Terra felix - Afragola Foto 05

La premiazione dei ragazzi delle scuole della Terra dei fuochi rappresenta per Ecopneus la chiusura ideale di un percorso avviato da tempo e che ha dimostrato che è possibile intervenire fattivamente sulle emergenze ambientali del territorio educando allo stesso tempo le nuove generazioni alla legalità e al rispetto dell’ambiente.
I commenti. a fine progetto, delle persone coinvolte:

Giovanni Corbetta, Direttore Generale di Ecopneus:“Accanto all’impegno operativo sul territorio, Ecopneus affianca da sempre attenzione al tema della sensibilizzazione e formazione, in particolare delle giovani generazioni, perché parallelamente alle attività quotidiane che anche quest’anno hanno consentito di avviare a recupero in Italia già oltre 227mila ton di PFU, di cui circa 21mila tonnellate solo in Campania, si alimenti un terreno di etica e legalità che contagi tutti, cittadini ed imprese. Solo la scelta quotidiana di ciascuno contro l’illegalità potrà contrastare e eliminare definitivamente i flussi di abbandono illegale che ancora persistono in tutta Italia e che in Campania si legano al triste fenomeno dei roghi tossici”.

Stefano Ciafani, vicepresidente nazionale diLegambiente: “Il progetto da Terra dei Fuochi a terra Felix è stata un’azione educativa di cittadinanza a tutto campo, in cui ragazzi e territorio si sono confrontati per prefigurare un altro futuro per questa terra, un futuro all’insegna della bellezza e della qualità. Ma la sensibilità da sola non basta. Occorre dare anche risposte normative più stringenti, risposte per chi chiede qualità e legalità. Per questo siamo accanto a popolazioni come quelle della terra dei fuochi contro le ecomafie, che potranno essere concretamente sconfitte solo se si attuerà l’inserimento dei reati ambientali nel codice penale, approvato alla camera lo scorso febbraio  e fermo da mesi presso le commissioni di ambiente e giustizia del senato”.

Donato Carfagna, Incaricato del Ministro dell’Interno per la Terra dei fuochi:“Da oggi c’è un campo di gioco in più per gli studenti di Afragola e ci sono diverse migliaia di pneumatici in meno per i roghi nella Terra dei fuochi. È la conferma, anche per i ragazzi, che si vince nella squadra della legalità, quella che lotta per migliorare la vita dei cittadini e preservare la salute e l’ambiente. Chi brucia, sporca e deturpa sarà sempre un perdente, perché gioca una partita contro se stesso, contro la propria terra, contro il futuro dei propri figli”.

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.