“Il calo del trasporto merci fa scendere vendite degli autocarri”.

7 Novembre 2014

La crisi economica, si sa, ha colpito sotto molti punti di vista. Uno che non può essere non citato è quello delle merci trasportate. Anche in questo settore, negli ultimi anni, le cose non sono andate bene, e non stanno andando bene tutt’ora, specialmente in Italia. Nel nostro paese, infatti, il calo è stato più accentuato rispetto alla media europea, anche se incide maggiormente nel totale del trasporto. Per fare due numeri, il trasporto di merci su strada in Italia rappresenta il 55% del totale trasportato, toccando addirittura quota 80% se non viene preso in considerazione il trasporto su mare.

I dati parlano chiaro: la media delle vendite di autocarri negli anni 2000-2008 ammontava a 36700 unita’ all’anno, mentre negli anni 2009-2013 e’ scesa a 16.600. Qual è la causa maggiore? In primo luogo viene posto l’indice sull’innalzamento dell’età media dei veicoli circolanti (nel 2011 l’età media degli autocarri merci di stazza superiore alle 3,5 tonnellate e’ arrivata a 19 anni e 7 mesi e per gli autocarri merci fino a 3,5 tonnellate e’ passata da 7 anni e 5 mesi del 2007 a 9 anni e 4 mesi nel 2011). Anfia inoltre sottolinea anche che “molte aziende di trasporto, a seguito delle difficolta’ economiche e finanziarie, hanno rimandato la sostituzione dei veicoli più vecchi, inquinanti e meno sicuri, che continuano perciò a circolare sulle strade, con un pericoloso abbassamento dei livelli di sicurezza attiva e passiva”.

Questo incontro, che ha parlato lungamente a riguardo di temi e problematiche attuali inerenti la fabbricazione, la distribuzione e il mercato dei ricambi per autocarro, è il primo di una serie di appuntamenti ideati per stimolare il confronto tra produttori e distributori in questo settore. Un settore più comlicato, sotto molti punti di vista, rispetto a quello del ricambio auto, ma di grande interesse per un elevato numero di operatori.

Mada-Smart-Mpu

Iscriviti alla Newsletter

Se desideri restare sempre aggiornato su tutte le news, iscriviti alla nostra newsletter.